martedì 14 aprile 2009

Coriandoli e baguette

Una cosa fa imbestialire Princess, ovvero andare a comprare la baguette e dover sempre chiedere un sacchetto.

Nell'immaginario collettivo, il francese gira con la baguette sotto l'ascella sudata. Nella realtà non siamo poi cosi lontani, diciamo che la panettiera parsimoniosa fascia la suddetta baguette in un coriandolo di carta che farà al massimo 5x15.

La signora è perfettamente coerente con la nuova tendenza al risparmio e allo sviluppo sostenibile, ma non sa che mettere la baguette nel cestino rasoterra della carrozzina e del passeggino è ancora peggio che sprecare un piccolo sacchetto di carta.

E quando princess chiede un sacchetto di solito quello che viene proposto è un bel sacchetto di plastica che in tempo reale trasforma la vostra bella baguette croccante in una spugna gommosa.

Cosi ora lo sapete; quando fate la spesa a Parigi, oltre alla borsa reciclabile per la spesa piu' consistente, ricordatevi un sacchetto di carta da usare e riusare perchè altrimenti anche voi avrete a che fare con il coriandolo.

6 commenti:

Ale ha detto...

Buongiorno Princess.
Rieccomi. Ale. Milano. In procinto di traslocare (eh sì, oramai è cosa definita...panico e curiosità insieme. Come sarà vivere stabilmente a Parigi? mah).
Un po' che non mi faccio viva ma la ricerca dell'immobile (!) e la ricerca del traslocatore internazionale (!!) e le altre bazzeccole di vita, mi hanno tenuta lontana dal tuo blog.
Ma vedo che sei presissima anche tu :) e come non potresti esserlo con 2 pupi ed un lavoro?
A presto, magari ti scrivo e ti racconto di più.
Buona serata.

princess ha detto...

Allora a presto, fammi sapere dove sbarchi.
Si hai capito bene, ultimamente sono ben presa anche se ufficialmente si lavora di più per guadagnare di meno....

kokeicha ha detto...

Ahahahah, ho combattutto per almeno 3 anni con le streghe della boulangerie accanto a casa perché mi cedessero una busta di carta per il pane. Ho fatto prima a traslocare e a trovare una bulangerie juive. Adesso le cose vanno meglio! ;D

P.S. Bellissima la tua presentazione. Se potessi ti assegnerei l'oscar per la presentazione più simpatica.
P.P.S. Hai dimenticato sua maesta la regina Carlà ;D

princess ha detto...

Quindi capisci il problema del coriandolo.
Grazie per il complimento, dovrei trovare il tempo di scrivere un po' piu' spesso, ma non è facile. Avrai capito che sono sempre io, quella della festa dei vicini. In questo delirio schizzofrenico devo dare una priorità ad uno dei due blog. E a tutto il resto ....

Anna ha detto...

Buongiorno Princess
innanzitutto complimenti per il blog (il racconto della nobile famiglia sulle piste da scii mi ha fatto morir dal ridere!)!
mi permetto di scriverti nella speranza che tu possa aiutarci a far conoscere la seguente iniziativa.

L’Association des Familles Multilingues ha come scopo quello di accompagnare le famiglie italiane o franco-italiane nella trasmissione della lingua e cultura italiana attraverso dei gruppi di gioco per bambini bilingui di età compresa tra 1 anno e fino ai 10 anni.



Questi ateliers permettono:

- di sviluppare la conoscenza della lingua e cultura d’origine

- di conferire alla lingua « debole » (l'italiano visto che abitiamo in Francia) una dimensione sociale grazie alla sua pratica al di fuori degli spazi famigliari

- di incontrare altre famiglie parlanti la stessa lingua e aventi la stessa cultura



In tal modo, i bambini sviluppano un bilinguismo armonioso costruendo un’identità biculturale.



I gruppi-gioco sono organizzati tutti i mercoledi alle 16.00 alla Maison des Associations del XVesimo. La tariffa é di 5€/ora + 30€ di adesione annuale all'associazione. Le iscrizioni si fanno scrivendo a: annastevanato@hotmail.com


L'idea é nata perché cercavo qualcosa del genere per mia figlia Alice, affinché potesse praticare l'italiano con altri bimbi della sua età ed essere (io come mamma) aiutata nell'impresa difficile di trasmettere la propria lingua quando si é i soli a parlarla e all'età critica in cui i bimbi entrano alla scuola francese. Purtroppo non ho trovato niente e mi sono detta che, piuttosto che abbandonare l'idea, avrei fatto meglio a creare qualcosa.
Avendo poi diversi amici nella mia stessa situazione ma parlanti altre lingue abbiamo deciso di estendere l'iniziativa a tutte le famiglie che lo desiderano e sono nati cosi' altri due gruppi, in spagnolo e in inglese.

Il gruppo in italiano ha visto la luce due mesi fa circa per la prima volta ed é stato un successone!
Cio' ci incoraggia a continuare e cercare di far conoscere questo progetto a tutte le famiglie che potrebbero essere interessate.

Ci indirizziamo quindi a te per farci un po' di "pubblicità" sul tuo blog se é possibile. ( Il sito dell'associazione é in costruzione, appena pronto ti inviero' il link se sei d'accordo)

Nella speranza di ricevere presto una risposta positiva ti invio i miei cordiali saluti.

Anna, una veneziana a Parigi, mamma di Alice, 3 anni, e di Pietro, 5 mesi

princess ha detto...

Cara Anna,
la pubblicità è fatta. Hai scritto meglio di me finalità e organizzazione dell'associazione. Per quanto mi riguarda, posso solo confermare la serietà del tutto visto che sono una partecipante !!! Ti ho stupito ?? Sicuramente ora starai ridendo come una pazza, pensa ai due gnomi fratelli che vedrai oggi al corso e hai materializzato Princess in carne ed ossa (ultimamente piu' ossa che carne). Ti riportiamo la Pimpa oggi, ciao